Le visite e le procedure mediche effettuate dalla Dott.ssa Piga sono detraibili ai fini IRPEF per una quota del 19%.

Come stabilisce la legge 160 del 27 dicembre 2019 (legge di Bilancio 2020), il paziente può “scaricare dalle tasse” solo se il pagamento della prestazione sanitaria è avvenuta con metodo tracciabile (Bancomat, Carta di Credito o Debito, assegno, bonifico, etc.); pertanto, non saranno detraibili i pagamenti in contanti.

La Dott.ssa Piga permette il pagamento con mezzi elettronici (come Bancomat, Carte di Credito e debito anche contactless, smartwatch, Apple Pay, Google Pay, Samsung Pay) sin da prima che vi fosse l’obbligo per i liberi professionisti di dotarsi di POS.

Inoltre, nelle ricevute emesse dalla Dott.ssa Piga è presente la dicitura che dichiara l’avvenuto pagamento con metodo tracciabile (previa verifica del pagamento), sufficiente per dimostrare in fase di dichiarazione dei redditi il diritto alla detrazione del 19%, senza dover ricorrere ad estratto conto da parte del paziente. Il paziente dovrà semplicemente consegnare la ricevuta della Dott.ssa Piga al proprio commercialista o al CAF. Nella dichiarazione dei redditi precompilata, la spesa sanitaria sarà già inclusa nelle detrazioni, in quanto la Dott.ssa Piga avrà precedentemente inviato i dati della transazione al sistema Tessera Sanitaria (codice fiscale assistito, data e importo della transazione), come da normativa vigente.

La Dott.ssa Piga sostiene con convinzione i pagamenti digitali tracciabili in quanto, oltre a permettere una detrazione del 19% al paziente, garantiscono la legittimità della transazione e il riconoscimento effettivo della prestazione erogata, il tutto a garanzia del paziente.

Categorie: Fisco